FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2021 - 2022
2020 - 2021
2019 - 2020
2018 - 2019
2017 - 2018
2016 - 2017
2015 - 2016
2014 - 2015
2013 - 2014
2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
12 La commedia dell'arte die Clown
19 Il grande capo
26 Il matrimonio di Tuya
DICEMBRE
3 A est di Bucarest
5 Il mio paese
10 Il vento fa il suo giro
17 Guida per riconoscere i tuoi Santi
GENNAIO
7 Breackfast on Pluto
14 4 mesi 3 settimane 2 giorni
16 Lettere da Iwo Jima
21 Giardini in autunno
28 La strada di Levi
FEBBRAIO
4 Il labirinto del Fauno
11 Daratt
13 Le vite degli altri
18 Cuori
25 Paprika
MARZO
3 Quattro minuti
5 Fanny e Alexander
10 L'aria salata
12 I protagonsti
17 L'arte del sogno
31 Dopo il matrimonio
APRILE
7 La dignità degli ultimi
9 La notte
14 La masseria delle allodole
21 Il flauto magico
22-26 3° Videofestival Imperia
28 Grindhouse
MAGGIO
5 In questo mondo libero
12 Irina Palm
19 Caramel
26 Lascia perdere Johnny!
Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2007 - 2008
Lunedì 3 Dicembre La sorpresa rumena
A EST DI BUCAREST
(A Fost Sau N-a Fost?) di Corneliu Porumboiu - dur. 89' Romania 2006
con Mircea Andreescu, Teo Corban, Ion Sapdaru
A sedici anni dal 22 dicembre 1989, giorno in cui finì la dittatura di Caescescu, in una grigia e fredda cittadina a est di Bucarest, una trasmissione televisiva si interroga su cosa realmente sia accaduto in quel giorno.


Vincitore di 9 premi internazionali (+3 nominations), tra cui:
· Festival di Cannes 2006: Camera d’oro, premio Label Europa Cinemas
GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Fabio Ferzetti (Il Messaggero)

Arriva dalla Romania uno dei primi grandi film della stagione, un gioiello di umorismo e malinconia che rievoca “dal basso” la gloriosa Rivoluzione del 22 dicembre 1989. Ammesso che una Rivoluzione ci sia stata davvero perché laggiù a Vaslui, piccola città vicino Bucarest, non ne sono così sicuri.
È la bravura strepitosa degli attori, interpreti teatrali poco noti anche in Romania, a rendere memorabili i personaggi, i loro sentimenti inespressi e con essi il film, che invece quei sentimenti li esprime benissimo.
Massimo Lastrucci (Ciak)
Commedia, immagini documentarie e impossibilità di trovare la Verità nella Storia convivono in questo primo lungometraggio di Corneliu Porumboiu (due corti in curriculum) che ha usato intelligentemente povertà di mezzi e di contesto, per aggiungere acidità e umorismo acre a un quadro di insieme decisamente amaro. Una lucida visione che ha incontrato i favori dei giurati di Cannes che gli hanno attribuito la Caméra d'Or per il miglior esordio.

Mauro Gervasini (Film TV)
Una ricognizione impietosa sulla perdita di memoria di un popolo, che a pochi anni di distanza da un evento così rivoluzionario vaga disorientato in una sorta di limbo dove la Storia e la sua revisione fanno a pugni senza certezza alcuna. Una commedia, certo, con alcuni momenti francamente divertenti; ma di una malinconia che finisce per scorrere nelle vene lasciandoti disorientato come alcuni dei protagonisti. Non occorre essere romeni per percepire l'importanza di un simile racconto.
POROMBOIU Corneliu – Vaslui, Romania, 1975
Porumboiu si laurea in Regia nel 2003 alla University of Dramatic Art and Film in Bucharest. I suoi cortometraggi ‘Gone with the Wine’ (2002) e ‘A Trip to the City’ (2003) e il mediometraggio ‘Livius’ Dream’ (2003, sul divieto di aborto durante il regime di Ceausescu) ottengono riconoscimenti internazionali.
Nel 2006 debutta nel formato lungo con ‘A fost sau n-a fost?’ (12:08 East of Bucharest), premio Camèra d'Or a Cannes, giustamente assegnata a uno dei film più interessanti che si sono visti al festival.
TORNA SU