FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2021 - 2022
2020 - 2021
2019 - 2020
2018 - 2019
2017 - 2018
2016 - 2017
2015 - 2016
2014 - 2015
2013 - 2014
2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
12 La commedia dell'arte die Clown
19 Il grande capo
26 Il matrimonio di Tuya
DICEMBRE
3 A est di Bucarest
5 Il mio paese
10 Il vento fa il suo giro
17 Guida per riconoscere i tuoi Santi
GENNAIO
7 Breackfast on Pluto
14 4 mesi 3 settimane 2 giorni
16 Lettere da Iwo Jima
21 Giardini in autunno
28 La strada di Levi
FEBBRAIO
4 Il labirinto del Fauno
11 Daratt
13 Le vite degli altri
18 Cuori
25 Paprika
MARZO
3 Quattro minuti
5 Fanny e Alexander
10 L'aria salata
12 I protagonsti
17 L'arte del sogno
31 Dopo il matrimonio
APRILE
7 La dignità degli ultimi
9 La notte
14 La masseria delle allodole
21 Il flauto magico
22-26 3° Videofestival Imperia
28 Grindhouse
MAGGIO
5 In questo mondo libero
12 Irina Palm
19 Caramel
26 Lascia perdere Johnny!
Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2007 - 2008
Lunedì 26 Novembre Culture Altre
IL MATRIMONIO DI TUYA
(Tuya de hun shi)
di Wang Quan An - Durata 96' Cina 2006
Con Yu Nan, Bater, Sen’ge, Zhaya
Tuya è una bella e giovane donna della Mongolia che vive con Barter (il marito paralizzato) e i due figli in una zona semidesertica. La loro fonte di sostentamento è la pastorizia. Tuya però non riesce più a reggere la fatica e le responsabilità. Accetta quindi di divorziare e risposarsi, ma solo con un uomo che si prenda cura non solo dei suoi figli ma anche di Barter.

Vincitore di 4 premi internazionali:

Festival di Berlino 2007: Orso d’oro, Premio della giuria ecumenica
GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Giancarlo Zappoli (Mymovies)
Nonostante gli indubbi limiti che una censura attenta come quella cinese può aver imposto a
“Il matrimonio di Tuya”, il film non si limita a proporre un disagio esistenziale ma offre anche occasioni di riflessione sul rapporto tra tradizione e modernità. Nell’odierna Mongolia, l’industrializzazione avanza e tenta di travolgere le attività del passato come la pastorizia spingendo le persone all’inurbamento. Tuya, donna in un mondo dominato dagli uomini, deve difendere la propria dignità che è anche quella del marito. Lo fa con una difesa dei valori profondi che non può essere tacciata come antimoderna perché è invece, molto più semplicemente, attaccamento a ciò che rende tale un essere umano aldilà della razza o collocazione geografica.
Fabio Ferzetti (Il Messaggero)
Il film è un festival di umanità. Una sfilata di facce, caratteri, personaggi, passioni, che sembra uscita da un romanzo dell’Ottocento, anche se il quadro di sradicamento economico e culturale appartiene al nostro poco colorito presente.

Paolo D’Agostini (La Repubblica)
Da una sceneggiatura di Lu Wei, già collaboratore di Zhang Yi- Mou e di Chen Kai-Ge, un film semplice e solenne, elementare e universale, sulle grandi questioni della vita, senza rinunciare a tante e vive venature quotidiane. Il regista ha voluto proprio documentare ciò che ha conosciuto prima della sparizione totale di persone, costumi, modi di vivere che si stanno estinguendo nella sterminata regione mongola, da dove viene parte della sua famiglia.
WANG QUAN 'AN – Yan'an, Shaanxi, Cina 1965
Si diploma alla Bejing Film Academy nel 1991. Lavora quindi agli Xian Film Studio, per le cui produzioni scrive numerose sceneggiature. Il suo primo lungometraggio è 'Yue Shi' (1999, Eclisse lunare), un film "sospeso su una sorta di (ir)realismo magico nel raccontare lo strano intreccio tra una ricca coppia di sposi e un giovane fotografo dall’aria ingenua che riconosce in lei una ragazza conosciuta un tempo: blande sospensioni, accenni di poesia, ritmo introflesso, dinamica soprappensiero per un’opera che opacizza il suo spirito ma non offusca i risultati" (Causo, Cineforum, Berlino 2002). Il film vince il premio della critica al festival di Mosca. Nel 2003 dirige 'Jing zhe' (The Story of Ermei), premio per la migliore attrice ai Rooster Award in Cina. Il successivo 'Il matrimonio di Tuya' (2006, Orso d'oro a Berlino) lo fa definitivamente conoscere in tutto il mondo.
TORNA SU