FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2021 - 2022
2020 - 2021
2019 - 2020
2018 - 2019
2017 - 2018
2016 - 2017
2015 - 2016
2014 - 2015
2013 - 2014
2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
12 La commedia dell'arte die Clown
19 Il grande capo
26 Il matrimonio di Tuya
DICEMBRE
3 A est di Bucarest
5 Il mio paese
10 Il vento fa il suo giro
17 Guida per riconoscere i tuoi Santi
GENNAIO
7 Breackfast on Pluto
14 4 mesi 3 settimane 2 giorni
16 Lettere da Iwo Jima
21 Giardini in autunno
28 La strada di Levi
FEBBRAIO
4 Il labirinto del Fauno
11 Daratt
13 Le vite degli altri
18 Cuori
25 Paprika
MARZO
3 Quattro minuti
5 Fanny e Alexander
10 L'aria salata
12 I protagonsti
17 L'arte del sogno
31 Dopo il matrimonio
APRILE
7 La dignità degli ultimi
9 La notte
14 La masseria delle allodole
21 Il flauto magico
22-26 3° Videofestival Imperia
28 Grindhouse
MAGGIO
5 In questo mondo libero
12 Irina Palm
19 Caramel
26 Lascia perdere Johnny!
Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2007 - 2008
Lunedì 21 Gennaio Registi europei
GIARDINI IN AUTUNNO
(Jardins en automne) di Otar Iosseliani - dur.115' Francia, Italia, Russia 2006
Con Severin Blanchet, Michel Piccoli, Muriel Motte, Pascal Vincent, Otar Iosseliani
A Parigi un potente ministro, Vincent, cade in disgrazia e viene sostituito da un altro, Theodiere, che subito cambia tutto nell’ufficio, dalla scrivania ai telefoni, ai posacenere. Vincent perde la moglie, l’amante, la casa, ma scopre la vita e il suo edonismo, mentre il suo successore conosce tempi bui.

Vincitore di 1 premio internazionale (+1 nominations).
GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Lietta Tornabuoni (La Stampa)
“Giardini in autunno” è un film incantevole e divertente, pienamente realizzato nello stile leggero, spiritoso e molto intelligente del regista settantaduenne, georgiano di nascita e parigino d’adozione. Parabola sull’avidità e sulla sete di potere, il film analizza pure l’ozio della vecchiaia. Le cose divertenti sono molte: venditori ambulanti italiani, lo stesso regista Iosseliani, pittore sui muri o sull’asfalto ma, soprattutto, bevitore d’osteria, molti neri, cinesi, mediorientali, pensionati stizzosi, animali, soprattutto folle di persone in manifestazioni di protesta.
Renato Venturelli (La Repubblica)
Iosseliani è un regista che dice di concepire il suo lavoro come un autore di partiture musicali o come un paziente tessitore di tappeti. I suoi film hanno pochi dialoghi e intrecci evanescenti, ma un senso calibratissimo del tempo. Il tutto raccontato per piccoli tocchi, che sembrano alludere a Bunuel, ma lo declinano secondo un umorismo un po’ moralista, raffinato e nostalgico.

Pierpaolo Simone (Mymovies)
L’autunno è il tempo dei rimpianti, rimpianti per il tempo perduto. Anche in autunno però si può ricominciare a vivere. Gustando tutto ciò che nel corso degli anni si è trascurato. Una favola dolce e ottimista, una metafora dell’avidità del potere e della riscoperta della semplicità.
IOSSELIANI Otar – Tbilisi, Georgia, 1934
Tra il 1959 e il 1965 dirige decine di corti per il Cinegiornale, quindi è attore e infine regista di mediometraggi. Fin da subito ha problemi con la censura: i suoi film sono bloccati per poi essere distribuiti in edizioni ridotte. Nel 1971 dirige ‘C’era una volta un merlo canterino’ che, presentato a Cannes quattro anni dopo, gli rende fama internazionale. Anche il successivo 'Pastorale' (1976) ha problemi di visto. Nel 1982 si rifugia in Francia dove dirige le sue tre successive opere, tutte premiate a Venezia: 'I favoriti della luna' (Premio speciale), 'Un incendio visto da lontano' (Gran Premio) e 'Briganti' (Premio speciale). Negli anni Novanta realizza ‘Caccia alle farfalle’ (1992) e ‘Addio terraferma’ ("una favola a tempo di valzer, surreale, grottesca, anarchica e interclassista, incantevole e pungente"). Nel 2002 si aggiudica a Berlino il premio per la migliore regia con 'Lunedì mattina’ e il riconoscimento "non poteva non andare a un film assolutamente libero. Libero da qualsiasi costrizione di sceneggiatura, capace di raccontare una storia tanto apparentemente assurda quanto profondamente vera, un film di un regista lieto di divertirci e di divertirsi senza farci smettere di pensare" (Zappoli).
TORNA SU