FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2021 - 2022
2020 - 2021
2019 - 2020
2018 - 2019
2017 - 2018
2016 - 2017
2015 - 2016
2014 - 2015
2013 - 2014
2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
12 La commedia dell'arte die Clown
19 Il grande capo
26 Il matrimonio di Tuya
DICEMBRE
3 A est di Bucarest
5 Il mio paese
10 Il vento fa il suo giro
17 Guida per riconoscere i tuoi Santi
GENNAIO
7 Breackfast on Pluto
14 4 mesi 3 settimane 2 giorni
16 Lettere da Iwo Jima
21 Giardini in autunno
28 La strada di Levi
FEBBRAIO
4 Il labirinto del Fauno
11 Daratt
13 Le vite degli altri
18 Cuori
25 Paprika
MARZO
3 Quattro minuti
5 Fanny e Alexander
10 L'aria salata
12 I protagonsti
17 L'arte del sogno
31 Dopo il matrimonio
APRILE
7 La dignità degli ultimi
9 La notte
14 La masseria delle allodole
21 Il flauto magico
22-26 3° Videofestival Imperia
28 Grindhouse
MAGGIO
5 In questo mondo libero
12 Irina Palm
19 Caramel
26 Lascia perdere Johnny!
Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2007 - 2008
Lunedi' 18 Febbraio Registi europei
CUORI
(Coeurs) di Alain Resnais - dur. 125' Francia, Italia 2006
Con Lambert Wilson, Laura Morante, Sabine Azema, André Dussolier, Pierre Arditi
Il vecchio maestro Alain Resnais (84 anni) torna a mettere in scena una piece dell’amato commediografo inglese Alan Ayckbourn per fornirci un piccolo esercizio da camera di angosce e solitudini. Protagonisti sono sei personaggi che si aggirano intrappolati tra appartamenti, bar e uffici del nuovo quartiere parigino di Bercy, simbolo della Parigi culturale del nuovo millennio.

Vincitore di 5 premi internazionali (+9 nominations), tra cui:
· European Film Awards 2007: premio FIPRESCI
· Mostra del cinema di Venezia 2006: Leone d'argento per la miglior regia
GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Natalino Buzzone (Il Secolo XIX)
Sei personaggi in una Parigi dalla perenne tempesta di neve, i cui fiocchi servono a scandire il passaggio da una storia all’altra. L’anziano e geniale maestro riflette sui sentimenti, sulla solitudine e sulla morte, secondo i dettami di uno stile purissimo, avvolgente e quasi da camera sterile. L’interpretazione corale (André Dussolier e Sabine Azema in stato di grazia) è perfetta. La commedia s’impenna quando l’eccentricità diventa irresistibile umorismo.
Roberto Nipoti (La Repubblica)
Un balletto dei destini incrociati, dove ogni speranza è destinata a fallire al contatto con la realtà dà luogo a un film crepuscolare e pessimista; ma è dell’arte di Resnais rivestire il pessimismo di eleganza e ironia poetica, fino a renderlo quasi dolce. Le vite dei sei personaggi si sfiorano, si incrociano, si dividono in due ore di spettacolo concertate con una precisione millimetrica, eppure mai artificiosa. E’ come se i vecchi maestri europei si depurassero sempre più col passare degli anni: incredibile la limpidezza dello sguardo raggiunta. “Cuori” fa pensare ad una canzone senza una stecca, armoniosa, allegra e malinconica insieme, intonata da un coro di attori uno più bravo dell’altro.
RESNAIS Alain – Vannes, Francia, 1922
E' uno dei più importanti registi francesi contemporanei. E' un uomo senza biografia, nel senso che si sa poco o niente della sua vita privata. Nel 1939 si trasferisce a Parigi per fare l’attore e nel 1943 si iscrive all'IDHEC, famosa scuola di cinema, dove studia per due anni fotografia e montaggio. Colto, aristocratico nell'animo e per ceto sociale, raffinato, il regista ha firmato opere complesse, tipicamente francesi. L'esordio risale al 1948 con un documentario d'arte e nel 1958 realizza il suo primo lungometraggio 'Hiroshima mon amour', su un soggetto di Marguerite Duras. Seguiranno 15 film di altissimo livello tra cui il drammatico 'L'anno scorso a Marienbad' (vincitore del Leone d'oro a Venezia 1961), 'La guerra è finita’ (storia di un militante spagnolo messo a confronto con le pratiche terroristiche delle nuove generazioni), 'Providence' (1977, considerata la sua opera migliore, in cui indaga nella psiche, nel modo in cui l'essere umano vive il passato e soprattutto sui rapporti che intercorrono tra realtà e creazione letteraria), ‘Mon oncle d'Amérique’ (1980, Premio Speciale della Giuria a Cannes), ‘'Mélo' (1986, una provocazione che investe il lavoro degli attori), ‘Voglio tornare a casa!' (1989). Nel 1995 riceve il Leone d'oro alla carriera.
TORNA SU