FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2021 - 2022
2020 - 2021
2019 - 2020
2018 - 2019
2017 - 2018
2016 - 2017
2015 - 2016
2014 - 2015
2013 - 2014
2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
12 La commedia dell'arte die Clown
19 Il grande capo
26 Il matrimonio di Tuya
DICEMBRE
3 A est di Bucarest
5 Il mio paese
10 Il vento fa il suo giro
17 Guida per riconoscere i tuoi Santi
GENNAIO
7 Breackfast on Pluto
14 4 mesi 3 settimane 2 giorni
16 Lettere da Iwo Jima
21 Giardini in autunno
28 La strada di Levi
FEBBRAIO
4 Il labirinto del Fauno
11 Daratt
13 Le vite degli altri
18 Cuori
25 Paprika
MARZO
3 Quattro minuti
5 Fanny e Alexander
10 L'aria salata
12 I protagonsti
17 L'arte del sogno
31 Dopo il matrimonio
APRILE
7 La dignità degli ultimi
9 La notte
14 La masseria delle allodole
21 Il flauto magico
22-26 3° Videofestival Imperia
28 Grindhouse
MAGGIO
5 In questo mondo libero
12 Irina Palm
19 Caramel
26 Lascia perdere Johnny!
Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2007 - 2008
Lunedì 31 Marzo Registi europei
DOPO IL MATRIMONIO
(Efter brylluppet) di Susanne Bier - dur. 120', Danimarca - Svezia 2006
Con Mads Mikkelsen, Rolf Lassgard, Sisde Babett
Jacob, che ha un passato da sbandato, è un danese che ha dissipato la propria vita prima di scoprire di poterla dedicare ai bambini dell’India. Quando un industriale gli chiede di tornare a Copenaghen per discutere i dettagli di una donazione, l’invito si rivelerà una trappola che farà riemergere un passato che Jacob credeva di essersi lasciato alle spalle.

Vincitore di 7 premi internazionali (+16 nominations), tra cui:
· Premio Oscar 2007: Miglior film straniero (nomination)
GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Aldo Fittante (Film TV):
Si può parlare di fame nel mondo, di capitalismo occidentale che sfrutta i paesi sottosviluppati, di volontariato, di tradimenti e di cancro, senza mostrare la fame nel mondo, i tradimenti, il cancro. Si possono lanciare pure dei messaggi, ma senza proclami e dimostrazioni, senza slogan e senza pietismi. E’ lo sguardo nitido, lucido, consapevole, maturo, onesto di Susanne Bier, giustamente ritenuta oggi una delle autrici nordeuropee di maggior talento. Ciò che piace è il suo rispetto nei confronti degli spettatori, chiamati direttamente in causa, posti attivamente dinanzi a una storia che vuole solo suggerire, depistare sui dettagli (una lacrima, un anello, un primo piano sugli occhi…)
Roberto Lasagna (Segnocinema):
Susanne Bier, nel portare in scena gli elementi melodrammatici di “Dopo il matrimonio” dimostra di avere messo a punto un modello narrativo già proposto con maggiori cedimenti nel precedente “Non desiderare la donna d’altri”. Ebbene, il suo ultimo film sembra trovare nei suoi momenti migliori, il giusto equilibrio emotivo e formale, disegnando con precisione un legame tra la vicenda dei personaggi e gli ambienti in cui si muovono, senza che la loro collocazione nel mondo sembri il risultato di una scelta pretestuosa e senza che il superamento dei conflitti venga risolto con soluzioni di comodo. Come già per “Non desiderare la donna d’altri” la regista parte dal presupposto di avvicinarsi a dolorose vicende private, con l’intento di metterle a confronto con altri disagi e sofferenze, quelle patite dal sud del mondo.
BIER Susanne - Copenhagen, Danimarca, 1960)
Studia Arte e Design a Gerusalemme e Architettura a Londra. Si iscrive quindi al programma di regia della National Film School of Denmark, diplomandosi nel 1987. Il suo saggio di diploma, ‘De Saliges’ (1987), vince il primo premio al Munich Film School Festival. Comincia da questo momento una carriera di regista che la vede impegnata in lungometraggi, cortometraggi, video musicali e spot commerciali. La sua filmografia comprende ‘Freud Leaving Home’ (1990), ‘Family Matters’ (1993), 'Pensionat Oskar’ (1995, Critics’ Award al Festival di Montreal), ‘Den Eneste Ene’ (1999, vincitore di numerosi Danish film awards e visto dalla metà della popolazione danese), ‘Once in a Lifetime’ (2000), 'Elsker dig for evigt’ (2002, diretto con tutte le regole del movimento Dogma), ‘Non desiderare la donna d’altri’ (2004, l’ennesimo successo di pubblico in patria e Audience Award al Sundance FF).
TORNA SU