FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2021 - 2022
2020 - 2021
2019 - 2020
2018 - 2019
2017 - 2018
2016 - 2017
2015 - 2016
2014 - 2015
2013 - 2014
2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
12 La commedia dell'arte die Clown
19 Il grande capo
26 Il matrimonio di Tuya
DICEMBRE
3 A est di Bucarest
5 Il mio paese
10 Il vento fa il suo giro
17 Guida per riconoscere i tuoi Santi
GENNAIO
7 Breackfast on Pluto
14 4 mesi 3 settimane 2 giorni
16 Lettere da Iwo Jima
21 Giardini in autunno
28 La strada di Levi
FEBBRAIO
4 Il labirinto del Fauno
11 Daratt
13 Le vite degli altri
18 Cuori
25 Paprika
MARZO
3 Quattro minuti
5 Fanny e Alexander
10 L'aria salata
12 I protagonsti
17 L'arte del sogno
31 Dopo il matrimonio
APRILE
7 La dignità degli ultimi
9 La notte
14 La masseria delle allodole
21 Il flauto magico
22-26 3° Videofestival Imperia
28 Grindhouse
MAGGIO
5 In questo mondo libero
12 Irina Palm
19 Caramel
26 Lascia perdere Johnny!
Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2007 - 2008
Lunedì 14 Aprile Per non dimenticare
LA MASSERIA DELLE ALLODOLE
di Paolo e Vittorio Taviani - dur. 122'
Italia, Bulgaria, Francia, Spagna, Gran Bretagna 2007
Con Paz Vega, Ángela Molina, Alessandro Preziosi, Mohammed Bakri, Tchéky Karyo, Mariano Sigillo
Dal romanzo omonimo dell'italiana di origine armena Antonia Arslan, rappresenta il ritorno al cinema, dopo dieci anni, dei fratelli Taviani. È l'evocazione della feroce strage del popolo armeno, pianificata ed eseguita tra il 1915 e il 1917 dal movimento sciovinista fascista dei Giovani turchi, al potere dal 1913, con oltre un milione e mezzo di morti.

5 nominations a premi internazionali.
GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Lietta Tornabuoni (la Stampa)
Il fatto storico visto attraverso la vicenda di una famiglia si trasforma nel film in qualcosa di vivo e coinvolgente, in un emozione personale. La parte centrale, il racconto dell'eccidio, è forte, sanguinoso e straziante, diverso da ogni opera precedente dei Taviani, eppure simile per le immagini meravigliose e il loro stile bellissimo che racconta senza spiare da vicino i dettagli.
Alberto Crespi (l'Unit
I Taviani raccontano un pezzo di storia non italiana perché vogliono raccontare “quella” storia, senza intenti metaforici.
(…) il film prende alla gola. Dopo averlo visto, si è diversi. Si sa, come minimo, qualcosa di più sulla “banalità del male” di cui parlò Hannah Arendt a proposito del boia Eichmann.

Francesco Puma (RevisionCinema)
La Masseria delle Allodole è un’opera dolente e necessaria, un’acre elegia sull’insensatezza della natura umana quando questa si arrende ai fiumi velenosi del fanatismo ideologico.
Il film è stato presentato a Berlino e non sono mancate aspre discussioni, più che altro guidate da un senso di colpa collettivo per uno scorcio di storia a volte dimenticato, involontariamente o meno, da qualche libro di testo.
TAVIANI Paolo – San Miniato, Italia, 1931
TAVIANI Vittorio – San Miniato, Italia, 1929
“Varcata ormai da tempo la soglia dei settant’anni, i fratelli Taviani restano fedeli a una loro idea di cinema insieme letterario e sentimentale, brechtiano ed emotivamente coinvolgente, comunque sempre impegnato ad affrontare argomenti forti e non rassegnato ad appiattirsi sull’imperante minimalismo quotidiano” (Film DOC, 2007). Vittorio Taviani e Paolo Taviani sono figli di un avvocato che durante il fascismo ha avuto problemi con le autorità per le sue idee antifasciste. Si interessano di cinema fin dall'università, incominciano la loro carriera come documentaristi e si impongono ben presto nel panorama cinematografico italiano per il loro impegno civile. Il primo grande successo internazionale arriva con ‘Padre padrone’ (1977) che vince la Palma d'Oro e il Premio della Critica al Festival di Cannes. Nel 1982 esce ‘La notte di San Lorenzo’, poetico racconto di alcune fasi della guerra di Liberazione viste attraverso gli occhi di alcuni contadini. Il film è considerato uno dei più importanti film della produzione italiana anni '80 e vincitore di numerosi premi nazionali e internazionali tra cui il Gran Premio della Giuria a Cannes e cinque David di Donatello. Negli anni seguenti dirigono anche ‘Kaos’, ‘Le affinità elettive’, ‘Il sole anche di notte’. Nel 1986 ricevono il Leone d'Oro alla carriera alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.
TORNA SU