FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2021 - 2022
2020 - 2021
2019 - 2020
2018 - 2019
2017 - 2018
2016 - 2017
2015 - 2016
2014 - 2015
2013 - 2014
2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
12 La commedia dell'arte die Clown
19 Il grande capo
26 Il matrimonio di Tuya
DICEMBRE
3 A est di Bucarest
5 Il mio paese
10 Il vento fa il suo giro
17 Guida per riconoscere i tuoi Santi
GENNAIO
7 Breackfast on Pluto
14 4 mesi 3 settimane 2 giorni
16 Lettere da Iwo Jima
21 Giardini in autunno
28 La strada di Levi
FEBBRAIO
4 Il labirinto del Fauno
11 Daratt
13 Le vite degli altri
18 Cuori
25 Paprika
MARZO
3 Quattro minuti
5 Fanny e Alexander
10 L'aria salata
12 I protagonsti
17 L'arte del sogno
31 Dopo il matrimonio
APRILE
7 La dignità degli ultimi
9 La notte
14 La masseria delle allodole
21 Il flauto magico
22-26 3° Videofestival Imperia
28 Grindhouse
MAGGIO
5 In questo mondo libero
12 Irina Palm
19 Caramel
26 Lascia perdere Johnny!
Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2007 - 2008
Lunedì 7 Aprile Per non dimenticare
LA DIGNITA’ DEGLI ULTIMI
(La dignitad de los nadies) di Fernando Solanas - dur. 120' Argentina 2005
Documentario. “La dignidad de los nadies” offre un nuovo capitolo della storia dell’Argentina, iniziata da Solanas con “Memoria del saqueo” da noi programmato la scorsa stagione. Il film inizia proprio dove il precedente si era fermato: la rivolta del dicembre 2001 con le conseguenti dimissioni del presidente De La Rua.

Vincitore di 5 premi internazionali (+2 nominations), tra cui:
· Mostra del Cinema di Venezia 2005: presentato nella sezione “Orizzonti”
GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Lietta Tornabuoni (La Stampa)
Nel film Solanas ha cercato di fondere vari generi, il documentario, la finzione, il cinema-saggio, in un’opera aperta composta di racconti, cronache e storie, di testimonianza e poesia. Sono 10 le storie di poveri, di oppositori, di “piqueteros”, di disoccupati e donne che rivelano condizioni di vita durissima ma sono anche storie commoventi, ammirevoli per l’altruismo, la capacità di lotta, il caldo slancio, l’assenza di meschinità della gente.
Attilio Coco (Segno Cinema)
La spaventosa crisi economica argentina e i suoi disastrosi effetti su una umanità relegata ai margini, porta donne e uomini, medici, sacerdoti, contadini a rimboccarsi le maniche per dare una risposta a tutto ciò che li rende invisibili, ponendo in rilievo la profonda moralità e dignità degli “ultimi”. La vera eticità di questo documentario è nel voler riprendere, con la certezza delle proprie scelte, quel movimento dal basso a cui solo può affidarsi la possibile rinascita di una nazione.

Alberto Zanetti (Cineforum)
“Diario del saccheggio” svelava volti e piani del complotto, “La dignità degli ultimi” mostra la vitalità della moltitudine, il segreto di una resistenza non pianificata e accesa, diventando la certificazione di un fenomeno assolutamente straordinario seguito al grande crack…Una segnalazione, infine. La povera Argentina e i motivi della sua caduta, così attentamente sviscerati da Solanas, non sembrano così distanti da alcuni effetti collaterali verificatisi nel cuore dell’impero: ad esempio, il disastro di New Orleans o il degrado sociale, culturale, economico e politico di un Paese europeo dal quale, nel corso del ‘900, partirono milioni di emigranti proprio in direzione del Sudamerica.
SOLANAS Fernando E. - Buenos Aires, Argentina, 1936
Regista cinematografico e teatrale (ma anche musicista, attore, pubblicitario e autore di storie di fumetti), Solanas studia alla Escuela de Arte Dramático di Buenos Aires. I suoi primi incarichi sono assistenze alla regia, a cui segue la regia di diversi cortometraggi. Voce tra le più più importanti del nuovo cinema latino-americano, fondatore del gruppo cine-politico Cine Liberación, è costretto a lasciare l’Argentina dopo il colpo di stato militare del 1976. Dopo 8 anni di esilio, torna in Sud America, consacrandosi tra i migliori autori cinematografici internazionali: tra le sue regie si ricordano ‘Tangos’ (1985, premio speciale della giuria a Venezia), ‘Sur’ (1988, Palma d’oro per la miglior regia a Cannes), ‘Il viaggio’ (1992, presentato in concorso a Cannes) e ‘La nube’ (1998, presentato in concorso a Venezia). Dal 1977, il regista argentino conduce seminari itineranti in America Latina, Europa e Stati Uniti. In Italia si sono formati gruppi di lavoro che operano sotto la sua direzione artistica a Roma, Bologna, Perugia.
TORNA SU NOVEMBRE DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO