FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
9 Stella
16 Tulpan
18 Diario di un maestro
23 The Wrestler
30 Katyn
DICEMBRE
14 Tutta colpa di Giuda
21 Louise - Michel
GENNAIO
11 Rachel sta per sposarsi
18 Lasciami entrare
25 Racconti dell'età dell'oro
FEBBRAIO
1 Mar Nero
8 Michael Jackson - Cinevideoclip
15 Vuoti a rendere
22 Videocracy - Basta apparire
MARZO
1 Il mio vicino Totoro
8 Il canto di Paloma
15 I 400 colpi
21 Puccini e la fanciulla
29 Garage
APRILE
12 Fino all'ultimo respiro
17 Il giardino di limoni
20-24 5° Videofestival Imperia
26 Fortàpasc
MAGGIO
3 Hiroshima mon amour
10 Amore e altri Crimini

Altre risorse:

Leggi l'articolo sulla stagione

Scarica il libretto versione pdf


17 Teza
24 Frozen River
31 Focaccia Blues

Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2009-2010
Lunedì 22 febbraio Censurati dal mercato
VIDEOCRACY – BASTA APPARIRE
(Svezia 2009) di Erik Gandini – dur. 85'

Il film-documentario è stato presentato all'ultimo Festival di Venezia, ospite della settimana della critica e della giornata degli autori. Era atteso con interesse perché la RAI e MEDIASET ne avevano proibito i promo pubblicitari. Ricordiamo che il film è stato realizzato e terminato prima che nell'estate 2009 esplodessero le note vicende.


GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Natalino Bruzzone (Il secolo XIX):

Il sottotitolo “Basta apparire” già chiarisce il concetto etico di una narrazione che vuole mettere sotto accusa un'Italia votata ad un apparato politico-mediatico basato sullo strapotere della televisione e dei valori legati al successo, al denaro, al sesso. Insomma l'italo-svedese Erik Gandini mette l'occhio della sua macchina da presa su un paese a misura del berlusconismo.

Renato Venturelli (La Repubblica):
Videocracy” non vuole essere un pamphlet su Berlusconi, quanto un ritratto dell'Italia televisiva e della sua cultura, una sorta di documentario antropologico realizzato da un bergamasco trasferitosi da anni in Svezia e portatore di uno sguardo “alieno” sull'Italia. C'è l'operaio che sogna di apparire in TV..., c'è Lele Mora tutto vestito di bianco che si dichiara mussoliniano..., c'è Fabrizio Corona che è invece tutto vestito di nero, si sente famoso come Scarface e si proclama un Robin Hood moderno..., c'è naturalmente lui, il Presidente, visto non tanto come cinico orchestratore di questo universo, quanto come persona assolutamente omologa, che vi rispecchia il proprio orizzonte culturale. Tutto presentato con modi asettici da entomologo: un'entropia del mostricciato Italia, nell'insieme un po' superficiale, ma nei momenti migliori interessato a raccontarci dei personaggi più che una morale.

GANDINI, Erik Bergamo, 1967
Erik Gandini è un regista e produttore cinematografico italiano naturalizzato svedese. Al suo attivo la regia di diversi film-documentari che hanno ricevuto un'ampia distribuzione internazionale. Il suo primo documentario, “Raja Sarajevo” (1994, la storia di un gruppo di giovani amici nella Sarajevo assediata) è stato realizzato con una piccola telecamera hi-8 durante la guerra. Nel 2003 è stato premiato con il Lupo d’argento all’IDFA, il Festival internazionale del cinema documentario di Amsterdam. Per “Surplus: Terrorized Into Being Consumers” (2004), ha ricevuto il primo premio all'International Festival of Environmental Films di Goiás, in Brasile. Gandini è anche uno dei membri fondatori della società di produzione Atmo.

TORNA SU