FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
9 Stella
16 Tulpan
18 Diario di un maestro
23 The Wrestler
30 Katyn
DICEMBRE
14 Tutta colpa di Giuda
21 Louise - Michel
GENNAIO
11 Rachel sta per sposarsi
18 Lasciami entrare
25 Racconti dell'età dell'oro
FEBBRAIO
1 Mar Nero
8 Michael Jackson - Cinevideoclip
15 Vuoti a rendere
22 Videocracy - Basta apparire
MARZO
1 Il mio vicino Totoro
8 Il canto di Paloma
15 I 400 colpi
21 Puccini e la fanciulla
29 Garage
APRILE
12 Fino all'ultimo respiro
17 Il giardino di limoni
20-24 5° Videofestival Imperia
26 Fortàpasc
MAGGIO
3 Hiroshima mon amour
10 Amore e altri Crimini

Altre risorse:

Leggi l'articolo sulla stagione

Scarica il libretto versione pdf


17 Teza
24 Frozen River
31 Focaccia Blues

Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2009-2010
Lunedì 1 marzo Gli imperdibili
IL MIO VICINO TOTORO
(Giappone 1988) di Hayao Miyazaki – dur. 86’
Animazione


Per stare il più vicino possibile all'ospedale dove é ricoverata la madre, due sorelline, Mei e Satsuki, ed il loro papà, si trasferiscono in una casa di campagna. Una leggenda dice che il bosco dietro la casa sia abitato da strane creature... Quando le due bambine le vedranno con i loro occhi scopriranno un mondo magico e vivranno momenti indimenticabili insieme ai loro nuovi "amici"... (FilmUp.it)

Premi:
Vincitore di 5 premi internazionali (+1 nominations)


GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Andrea Chirichelli (mymovies.it):

In Totoro l'inventiva e la creatività di Miyazaki sono ai massimi livelli (…), l'incredibile intelligenza e poesia di alcune sequenze dimostrano il valore assoluto della pellicola. Una fiaba moderna, un film dichiaratamente per bambini ma dal quale, come in tutte le pellicole di Miyazaki del resto, anche gli adulti possono e dovrebbero trarre insegnamento. Qui è racchiusa l'intera poetica miyazakiana: c'è l'amore per l'ambiente, per i bambini, il rimpianto per un passato in cui la società era più garbata e gentile verso il prossimo. Ciò che stupisce, ma non troppo, del film, è la sua innata freschezza a vent'anni di distanza dal suo esordio nei cinema nipponici. Un'opera indispensabile.

Andrea Fornasiero (FilmTv):
La convivenza di creature mitiche e vita rurale è di una magia semplice ma irresistibile, come la morbidezza del tratto di Miyazaki, dai colori caldi e accompagnato dalle memorabili melodie del fidato Joe Hisaishi. Un capitolo fondamentale della Storia del Cinema non solo d’animazione, incluso tra i 100 migliori film di tutti di tempi da Akira Kurosawa, e finora ignobilmente misconosciuto in Italia. Meglio tardi che mai.

Fabio Ferzetti (Il Messaggero):
Tutto in questo film procede di sorpresa in sorpresa, con impennate poetiche e gag irresistibili che non ci azzarderemo a raccontare per non guastare il piacere di scoprire di persona i colori, le forme, i suoni (musica al minimo, molti rumori d’ambiente) grazie a cui Miyazaki ci porta in un mondo mai visto. Con una capacità di reinventare a colpi di creature fantastiche e di paesaggi più veri del vero la Natura e i suoi prodigi che lascia davvero senza fiato. A tutte le età.

MIYAZAKI, Hayao – Tokyo (Giappone), 1941
È il più famoso regista di animazione giapponese. “Uno dei temi chiavi dell'intera sua opera è la necessità di considerare in modo contiguo, senza soluzione di continuità, l'universo della realtà e quello della fantasia. Il suo cinema riflette sulla possibilità di capire il mondo che ci circonda solo se si è capaci di viaggiare bei propri e altrui desideri, ricordi, sogni, incubi” (Marangi, Cineforum). “Un cinema eminentemente etico. Intriso d’umanesimo, ma che al contempo non scade mai nella retorica e, anzi, sembra assolutamente privo di timore nel rappresentare il male e la sua capacità di seduzione. Senza edulcorare il reale (alla Disney, per intenderci) ma sapendolo trasfigurare in una dimensione fantastica. Una trasfigurazione che è rivelatrice di una dimensione immaginifica straordinaria, che a sua volta veicola raffinate epifanie poetiche. E che dietro una coltre metaforica esprime verità profonde sull’esistenza umana”. Un autore, marxista e pacifista, letteralmente dominato da un rapporto spirituale, se non metafisico, con la natura. E di una potenza drammaturgica ed evocativa davvero unica, perché, come scrive RaffaelliMiyazaki ha dentro di sé delle forze che scatena, che libera raccontando attraverso i film. È un uragano di invenzioni che sa ricreare il respiro della realtà”.

TORNA SU