FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
9 Stella
16 Tulpan
18 Diario di un maestro
23 The Wrestler
30 Katyn
DICEMBRE
14 Tutta colpa di Giuda
21 Louise - Michel
GENNAIO
11 Rachel sta per sposarsi
18 Lasciami entrare
25 Racconti dell'età dell'oro
FEBBRAIO
1 Mar Nero
8 Michael Jackson - Cinevideoclip
15 Vuoti a rendere
22 Videocracy - Basta apparire
MARZO
1 Il mio vicino Totoro
8 Il canto di Paloma
15 I 400 colpi
21 Puccini e la fanciulla
29 Garage
APRILE
12 Fino all'ultimo respiro
17 Il giardino di limoni
20-24 5° Videofestival Imperia
26 Fortàpasc
MAGGIO
3 Hiroshima mon amour
10 Amore e altri Crimini

Altre risorse:

Leggi l'articolo sulla stagione

Scarica il libretto versione pdf


17 Teza
24 Frozen River
31 Focaccia Blues

Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2009-2010
Lunedì 26 aprile Per non dimenticare
FORTAPASC
(Italia 2008) di Marco Risi – dur. 108’
con Libero Di Rienzo, Valentina Lodovini, Michele Riondino, Ernesto Mahieux.

Giancarlo Siani è un giovane praticante, impiegato “abusivo” per Il Mattino col sogno di un contratto giornalistico e di un’inchiesta incriminante contro i boss camorristici e i politici collusi. Lucido e consapevole, indaga, si informa e poi scrive pagine appassionate e impetuose sui clan camorristici.

Premi:
6 nominations


GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Marzia Gandolfi (My Movies):

Marco Risi non ha realizzato un altro film sulla camorra, concentrandosi esclusivamente sulle tappe di avvicinamento di Siani prima ad una consapevolezza di sé e della lotta politica, poi a una strategia letteraria e provocatoria. (…) Con la linearità di un cinema che non ha tesi da dimostrare ma una bruciante urgenza di raccontare, “Fortapasc” mette in piazza una classe politica che mira alla propria autoconservazione, una società incivile che chiede la legittimazione di essere incivile e un giornalismo (impiegatizio) che continua ad ignorare le proprie responsabilità nel degrado sociale, etico, linguistico e culturale del Paese.

Alberto Crespi (L’Unità):
Che Marco Risi sia un bravo regista, lo sappiamo dai tempi di “Mery per sempre”. Ma “Fortapasc” è un salto di qualità importante, del quale papà Dino (al quale il film è dedicato) sarebbe giustamente orgoglioso. Osservate la scena della cruentissima strage nelle vie di Torre Annunziata: Tarantino non l’avrebbe girata meglio, né con più efferatezza. Osservate il montaggio alternato tra il summit dei boss e la seduta del consiglio comunale: certo, è un omaggio a “Le mani sulla città”, ma ricorda anche il ferocissimo parallelo di “M” (Fritz Lang, come no?) tra la riunione dei ladri e quella dei poliziotti, tutti a caccia del serial-killer (il montaggio, di Clelio Benevento, è strepitoso). Come nei momenti più crudi di “Gomorra”, sembra sia tornato il “poliziottesco” degli anni ’70, ma riciclato con una coscienza civile nuova, al tempo stesso disperata e combattiva.

Boris Sollazzo (Liberazione):
Un film commovente e divertente, ironico e profondo.

RISI, Marco – Milano, 1951
Inizia come assistente dello zio, Nelo Risi, sul set di “Una stagione all'inferno”, 1971, poi con Sordi e Vanzina. È quindi sceneggiatore di “Sono fotogenico”, diretto dal padre, Dino Risi. L’esordio nella regia è del 1981 con “Vado a vivere da solo”; seguono “Un ragazzo e una ragazza” (1983) e “Colpo di fulmine” (1985). Nel 1987, con “Soldati, 365 all'alba”, inaugura un filone realista aggressivo ispirando altri autori del nuovo cinema italiano. Negli anni successivi dirige “Mery per sempre” (1989), “Ragazzi fuori” (1990), “Muro di gomma” (1991, la ricostruzione della tragedia di Ustica), “Nel continente nero” (1993), “Il branco” (1994, incentrato sul dramma dello stupro e della violenza di una generazione allo sbando), “Bambini al lavoro” (1996, film-documentario per la TV sullo sfruttamento del lavoro minorile), “L'Ultimo capodanno”, (1998), “Maradona - La mano de dios” (2006).

TORNA SU