FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
9 Stella
16 Tulpan
18 Diario di un maestro
23 The Wrestler
30 Katyn
DICEMBRE
14 Tutta colpa di Giuda
21 Louise - Michel
GENNAIO
11 Rachel sta per sposarsi
18 Lasciami entrare
25 Racconti dell'età dell'oro
FEBBRAIO
1 Mar Nero
8 Michael Jackson - Cinevideoclip
15 Vuoti a rendere
22 Videocracy - Basta apparire
MARZO
1 Il mio vicino Totoro
8 Il canto di Paloma
15 I 400 colpi
21 Puccini e la fanciulla
29 Garage
APRILE
12 Fino all'ultimo respiro
17 Il giardino di limoni
20-24 5° Videofestival Imperia
26 Fortàpasc
MAGGIO
3 Hiroshima mon amour
10 Amore e altri Crimini

Altre risorse:

Leggi l'articolo sulla stagione

Scarica il libretto versione pdf


17 Teza
24 Frozen River
31 Focaccia Blues

Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2009-2010
Lunedì 29 marzo Censurati dal mercato
GARAGE
(Irlanda 2007) di Leonard Abrahamson - dur. 85’
con Pat Shortt, Anne-Marie Duff, Conor Ryan

Josie gestisce una stazione di servizio in un paese della campagna irlandese. Più che quarantenne, un po’ ritardato, dolce, inoffensivo, semplice, solitario, irrimediabilmente ottimista e, a suo modo, felice. La sua tranquilla vita cambia quando all’autorimessa giunge un giovane apprendista quindicenne: ingenuamente convinto di aver trovato un amico, Josie condivide con lui abitudini della vita adulta come l’alcol e un filmino pornografico, senza sapere di commettere un reato. Denunciato dai genitori del minorenne, si ritrova privato del suo lavoro e, di conseguenza, della sola ragione che dava un senso alla sua vita.

Premi:
Vincitore di 11 premi internazionali (+8 nominations) tra cui il Premio C.I.C.A.E. al Festival di Cannes, Miglior Film al Festival di Torino


GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Roberto Manassero (Cineforum):

Ma chi sarebbe pronto a condannarlo? Fin troppo facile: tutti. Tutti quelli che sono pronti a vedere nell’handicappato il segno di quel male di cui ogni società ha bisogno. (…) Josie è uno sconfitto che non può conoscere altro destino, per lui non c’è soluzione diversa. Spetta al cinema, e al suo sguardo capace di farsi macchina “ammazzacattivi” contro la società che sacrifica i buoni, ridare peso alla sua fisicità destabilizzante ed elevare la statura morale di una figura ridicola eppure eroica.

Alberto Crespi (L’Unità):
Un piccolo film tenero e durissimo, messo in scena con stile apparentemente assente. (…) “Garage” è un ritratto di provincia bigotta e feroce, senza che alcun gesto feroce si veda mai sullo schermo. Il regista e lo sceneggiatore Mark O’ Halloran raccontano per accenni, per situazioni. Pochissimi dialoghi, molti silenzi. Giornate che scorrono monotone. Violenza sempre latente. Film a suo modo notevolissimo, con un attore - Pat Shortt - che, si chiamasse De Niro, vincerebbe l’Oscar.

Silvana Silvestri (Il Manifesto):
Abilissimo nel far parlare i silenzi, il regista di “Garage” (premiato al Festival di Torino 2007) ci porge con grazia la sua bomba esplosiva: innanzi tutto l’interpretazione di Pat Shortt, grande attore comico irlandese di teatro, cinema, televisione, scrittore, così famoso che le poste nazionali hanno fatto uscire un francobollo dove lo si vede nel ruolo di Josie (…). Si tratta di durissimo umorismo, dove rispetto alla grandiosità di un misterioso disegno divino espresso in clamorosi paesaggi, vediamo dibattersi destini individuali che vanno verso il baratro con ingenuo e fiducioso ottimismo.

ABRAHAMSON, Leonard – Dublino (Irlanda), 1966
Lenny Abrahamson, dopo gli studi in filosofia al Trinity College, nel 1991 realizza il cortometraggio “3 Joes”, premiato ai Festival di Cork e Oberhausen. 14 anni dopo esordisce nel lungometraggio nel 2005 con “Adam and Paul”, incentrato su due tossici maldestri e catatonici alla ricerca della dose nella tetra periferia di Dublino, dove si susseguono situazioni grottesche, accelerazioni comiche, incontri stravaganti in un fuori orario permanente che si scioglie in un finale tragico. Il film viene selezionato dal Festival di Berlino nel 2005 e ottiene il premio Fipresci al Festival di Sofia. Dopo “GarageAbrahamson si dedica a “Prosperità”, una serie di quattro telefilm prodotti dalla RTE, la televisione nazionale irlandese.

TORNA SU