FORUM
STAGIONI PRECEDENTI

2012 - 2013
2011 - 2012
2010 - 2011
2009 - 2010
2008 - 2009
2007 - 2008
2006 - 2007
2005 - 2006
2004 - 2005
2003 - 2004
2002 - 2003


STAGIONE

NOVEMBRE
9 Stella
16 Tulpan
18 Diario di un maestro
23 The Wrestler
30 Katyn
DICEMBRE
14 Tutta colpa di Giuda
21 Louise - Michel
GENNAIO
11 Rachel sta per sposarsi
18 Lasciami entrare
25 Racconti dell'età dell'oro
FEBBRAIO
1 Mar Nero
8 Michael Jackson - Cinevideoclip
15 Vuoti a rendere
22 Videocracy - Basta apparire
MARZO
1 Il mio vicino Totoro
8 Il canto di Paloma
15 I 400 colpi
21 Puccini e la fanciulla
29 Garage
APRILE
12 Fino all'ultimo respiro
17 Il giardino di limoni
20-24 5° Videofestival Imperia
26 Fortàpasc
MAGGIO
3 Hiroshima mon amour
10 Amore e altri Crimini

Altre risorse:

Leggi l'articolo sulla stagione

Scarica il libretto versione pdf


17 Teza
24 Frozen River
31 Focaccia Blues

Cineforum> Stagioni precedenti> Stagione 2009-2010
Lunedì 8 marzo Mondi femminili
IL CANTO DI PALOMA
(Spagna, Perù 2008) di Claudia Llosa – dur. 103'
Con Magaly Solier, Susy Sanchez, Efrain Solis, Marino Ballon


Fausta, una ventenne peruviana, è stata testimone dal grembo materno dello stupro della madre. Il terrore di essere violentata a sua volta l'ha spinta ad inserire una patata nella vagina.

Premi:
Vincitore di 4 premi internazionali tra cui l’Orso d’Oro e il Premio Fipresci al Festival di Berlino


GUARDA IL TRAILER
Così la critica:
Paolo Mereghetti (Il Corriere della sera):

Negli ultimi vent'anni del secolo scorso, il Perù ha vissuto un tragico periodo di guerra civile tra la giunta militare e i movimenti rivoluzionari che sarebbe costato, secondo i dati forniti dalla Commissione per la verità e la riconciliazione, poco meno di 70 mila morti e un numero incalcolabile di stupri e violenze. Soprattutto tra i membri delle comunità indigene. In quegli anni di violenza e di dolore, la cultura popolare ha elaborato alcune credenze per giustificare, se non proprio spiegare, i comportamenti delle persone che hanno vissuto quei momenti. Tra queste ha preso particolarmente piede la diceria della «teta asustada» (letteralmente il seno impaurito), una «malattia» che si trasmetterebbe col latte materno e che toglierebbe l' anima alle persone per farla nascondere sotto terra per il dolore. E proprio “La teta asustada” è il titolo originale del film di Claudia Llosa.

Cinematografo.it:
Ritrovando l'originalità e l'attrice (Magaly Solier) di “Madeinusa” (opera d'esordio, pluri-premiata), Llosa sceglie di raccontare la vicenda della sua eroina con grande coraggio espressivo, costruendo un registro stilistico che si regge più sul canto che sui dialoghi, e su sguardi e volti incorniciati da splendide inquadrature. L'estetica al femminile del cinema latino contemporaneo trova in questo film una realizzazione meticolosa, volta a potenziare per immagini e atmosfere il realismo magico di un Paese sconosciuto ai più.

LLOSA, Claudia Lima (Perù), 1976
Laureata in Scienza della Comunicazione presso la Universidad de Lima (1998), frequenta corsi di sceneggiatura alla Escuela Superior de Artes di Madrid e in seguito quelli di regia alla NYU's Tisch School of the Arts. I suoi primi incarichi sono nel settore televisivo, per produzioni peruviane e straniere. Fondata la casa di produzione Vela Films, si fa un nome nel campo pubblicitario. Nel 2004 Llosa dirige il cortometraggio “Seeing Martina” e l'anno successivo firma la regia del suo primo lungometraggio (“Madeinusa”), tratto da una sua pluripremiata sceneggiatura. Bertolin (Cineforum) ne rileva da Rotterdam (dove ottiene il premio FIPRESCI) “il folklore esotizzante e le forzature di sceneggiatura”.

TORNA SU